24 luglio 2006

La guerra è un racket

(fonte: lexrex.com, articolo di Smedley Butler - Maggior Generale - Corpo della Marina degli Stati Uniti, 1935)

La GUERRA è un racket. Lo è sempre stato.

Forse il più vecchio, facilmente il più profittevole, sicuramente il più crudele. L'unico ad essere internazionale nel suo scopo. L'unico in cui i profitti vengono stimati in dollari e le perdite in vite umane. Un racket è meglio descritto, ritengo, come qualcosa che non è ciò che sembra alla maggioranza delle persone. Solo un piccolo gruppo "interno" sa di cosa si tratta. Viene condotto per il beneficio di pochi, a spese di molti. Da una guerra, poche persone traggono delle grandi fortune. Nella Prima Guerra Mondiale, fu solo una piccola manciata di individui a trarre dei profitti da questo conflitto. Durante questo periodo nacquero negli Stati Uniti circa 21.000 nuovi milionari e miliardari. Molti di questi presentarono i loro guadagni colossali nella dichiarazione dei redditi. Quanti siano gli altri milionari arricchiti dalla guerra che falsificarono la loro dichiarazione, nessuno lo sa. Quanti tra questi milionari avevano portato un fucile sulle spalle? Quanti tra loro hanno mai scavato una trincea? Quanti tra loro sapevano che cosa significava sentire i morsi della fame in un rifugio sotterraneo infestato dai topi? Quanti tra loro hanno passato delle notti intere senza dormire, nel terrore, abbassando la testa ogni volta per ripararsi dagli esplosivi, dalle raffiche dei mitra e delle mitragliatrici? Quanti tra loro sono riusciti a schivare la lama della baionetta di un nemico? Quanti tra loro sono rimasti feriti o uccisi in battaglia? In una guerra, le nazioni si impossessano di un nuovo territorio, se tornano vittoriose. Tutto qui: se lo prendono. Questo nuovo territorio conquistato sarà allora immediatamente sfruttato da quei pochi - la stessa piccola manciata di individui che spremono tutti i soldi che possono da una guerra. E tutto il grande pubblico si porta sulle spalle il conto. E il conto qual'è?Questo conto si traduce in un orribile rendiconto. Tante nuove lapidi. Corpi dilaniati. Menti distrutte. Cuori e case distrutti. Instabilità economica. Depressione e tutte le miserie che ne conseguono. Imposte massacranti per generazioni e generazioni. Per un bel po' di anni, come soldato, avevo il sospetto che la guerra fosse un racket; ma fu solo quando ritornai alla vita civile che me ne resi pienamente conto.

Ora, vedendo avvicinarsi le nuvole di una nuova guerra internazionale, è bene affrontare la questione. Hanno di nuovo scelto di formare degli schieramenti. La Francia e la Russia si sono accordate per stare fianco a fianco. L'Italia e l'Austria si sono affrettate nel concludere un accordo analogo. La Polonia e la Germania si sono fatte gli occhi dolci, dimenticandosi per l'occasione [un'occasione unica] della disputa sul Corridoio Polacco. L'assassinio del re Alessandro di Jugoslavia ha complicato i problemi. La Jugoslavia e l'Ungheria, da tempo acerrime nemiche, stavano per saltarsi alla gola. E l'Italia pronta per intromettersi. Ma la Francia stava aspettando. E così la Cecoslovacchia. Tutti pronti per cominciare una guerra. Non i popoli - non quelli che combattono, pagano e muoiono - ma solo quelli che fomentano le guerre e poi se ne stanno comodi in casa facendo profitti. Oggi ci sono 40 milioni di uomini sotto le armi, e i nostri statisti e diplomatici hanno pure il coraggio di dire che non si sta attuando nessuna guerra.Siamo impazziti? E questi 40 milioni di uomi allora che cosa fanno? Si stanno addestrando per fare i ballerini? Certo non in Italia. Il premier Mussolini lo sa benissimo per che cosa si stanno addestrando. Lui, almeno, è abbastanza franco da dirlo. Solo l'altro giorno, il Duce, ne "Conciliazione Internazionale", una pubblicazione del Carnegie Endowment for International Peace [Donazione Carnegie per la Pace Internazionale, ndt], ha detto: "E soprattutto il Fascismo, che considera e osserva il futuro e lo sviluppo dell'umanità non legato alle considerazioni politiche del momento, non crede né alla possibilità né tanto meno all'utilità di una pace perpetua... Solo la guerra può portare al massimo della sua tensione l'umana energia, e lasciare il segno della nobiltà sui popoli che hanno il coraggio di abbracciarla". Herr Hitler, con il suo riarmo della Germania e le sue continue richieste per sempre più armi, è un'altra grande minaccia per la pace. E la Francia proprio recentemente ha aumentato la durata del servizio militare per la sua gioventù da un anno a diciotto mesi.Sì, dappertutto, le nazioni stanno preparando le loro armate. Le ostilità in Europa sono ormai a briglia sciolta. Ad oriente gli armamenti vengono organizzati più abilmente. Nel 1904, quando combattevano Russia e Giappone, siamo riusciti ad espellere la Russia appoggiando i giapponesi. Poi i nostri banchieri internazionali così generosi finanziarono il Giappone. Ora invece la propensione è quella di avere il dente avvelenato nei loro confronti. Che cosa significa per noi la politica delle "porte aperte" alla Cina? Il nostro commercio con la Cina è di circa 90 milioni di dollari all'anno. E le isole delle Filippine? Abbiamo speso circa 600 milioni di dollari nelle Filippine in 35 anni, e ora abbiamo da quelle parti (i nostri banchieri, industriali e speculatori) degli investimenti privati per poco meno di 200 milioni di dollari. Poi, per proteggere questo commerciodi $90.000.000 con la Cina o quello degli investimenti privati nelle Filippine di quasi $200.000.000, conciteranno nuovamente le masse portandole a odiare il Giappone e a muovergli guerra - una guerra che potrebbe benissimo costarci decine di milardi di dollari, centinaia di migliaia di vite americane, e altre centinaia di migliaia di uomini fisicamente e mentalmente menomati, irreparabilmente a pezzi.Naturalmente, per questa perdita ci sarebbe un profitto che compensa - qualcuno accumulerebbe delle grandi fortune. Milioni e miliardi di dollari a formare delle montagne. Per pochi. Per i trafficanti d'armi. Per i banchieri. Per i costruttori di navi. Per i produttori. Per l'industria della carne in scatola. Per gli speculatori. Loro ci mangerebbero sopra per bene. È così, si stanno preparando per un'altra guerra. Perché non dovrebbero? Otterrebbero degli alti dividendi.Ma che profitto rende agli uomini che vengono uccisi? Che profitto rende alle loro madri e alle loro sorelle, alle loro mogli e a chi li ama? Che profitto rende ai loro bambini? Chi mai ne trarrà dei profitti se non che quello sparuto gruppo di persone per cui la guerra significa solo un enorme profitto? Proprio così. E che profitto ne otterrà la nazione? Prendiamo il nostro caso. Fino al 1898 non possedevamo nessun territorio al di fuori della terraferma nordamericana. A quel tempo il nostro debito nazionale era poco più di un miliardo di dollari. Poi siamo diventati "internazionalmente aperti". Abbiamo dimenticato, o messo da parte, il consiglio del Padre del nostro paese. George Washington ci aveva messi in guardia sulle "alleanze imbriglianti". Siamo andati in guerra. Abbiamo acquisito dei territori esterni. Alla fine della Guerra Mondiale, come risultato diretto dei nostri giochetti con gli affari internazionali, il nostro debito nazionale aveva raggiunto i 25 miliardi di dollari. La bilancia commerciale positiva durante il periodo di 25 anni ammontava a 24 miliardi di dollari. Quindi, su una semplice base contabile, siamo pure tornati un po' indietro, anno dopo anno, e il commercio con l'estero poteva tornarci molto utile pure senza le guerre. Sarebbe stato molto più economico (e più sicuro), per lo statunitense medio che paga le bollette, starsene fuori da queste alleanze. Per una minoranza, questo racket, nella fattispecie il contrabbando e il racket della malavita, portano grossi profitti, ma il costo delle operazioni viene sempre trasferito al popolo - che di profitto non ne trae nemmeno un po'.


[Mussolini e Hitler]


CAPITOLO DUE - CHI TRAE PROFITTI?

La Guerra Mondiale, oltre a vedere il nostro coinvolgimento, è costata agli Stati Uniti circa 52 miliardi di dollari. Fate il calcolo. Significa $400 per ogni uomo, donna e bambino degli Stati Uniti. E non abbiamo ancora pagato tutto il debito. Lo stiamo ancora pagando, i nostri figli lo pagheranno, e i figli dei nostri figli probabilmente si ritroveranno ancora a pagare il costo di questa guerra. I profitti tipici di un'impresa commerciale negli Stati Uniti sono del sei, otto, dieci e qualche volta dodici per cento. Ma i profitti in tempo di guerra - ah sì! sono tutt'altri numeri - parliamo del venti, sessanta, cento, trecento, e anche ottocento per cento - il limite è il cielo. Un traffico immenso. Zio Sam ha il denaro. Andiamo a prendercelo. Naturalmente loro non metteranno le cose in modo così semplicistico, in tempo di guerra. Parleranno di patriottismo, di amore per il proprio paese, dicendo che "tutti dobbiamo tirarci su le maniche", intanto i profitti salgono a quote deliranti - e vengono messi al sicuro nelle loro tasche. Prendiamo giusto qualche esempio: I nostri amici, i Du Ponts, quelli della polvere da sparo - uno di loro non ha forse testimoniato davanti al comitato senatoriale giusto di recente, dicendo che era merito della loro polvere da sparo se si era vinta la guerra? Che si aveva salvato il mondo esportando democrazia? O qualcosa di simile? Cosa hanno fatto loro durante la guerra? Era una corporation patriottica. Ebbene, il profitto medio dei Du Ponts nel periodo dal 1910 al 1914 fu di 6 milioni di dollari per anno. Non era molto, ma i Du Ponts riuscirono a cavarsela. Ora diamo un'occhiata al profitto medio annuale che va dal 1914 al 1918. Scopriamo che era di 58 milioni di dollari all'anno! Quasi 10 volte quello che avevano in tempo di pace, e non è che in tempo di pace i loro profitti fossero così male. In pratica un aumento dei profitti ammontante a più del 950 per cento. Osserviamo ora una delle nostre compagnie siderurgiche, che mise patriotticamente da parte la produzione di ferrovie e di ponti a travata per passare ad occuparsi di materiale bellico. Bene, il loro profitto medio annuo nel periodo 1910-1914 era di 6 milioni di dollari. Poi arrivò la guerra e, da buoni e fedeli cittadini, la Bethlehem Steel cominciò a produrre armi. Secondo voi, i loro profitti sono saliti, o hanno fatto entrare Zio Sam nell'affare? Ebbene, la loro media nel periodo 1914-1918 era di 49 milioni di dollari l'anno!Vediamo come sono andate le cose per la United States Steel Corporation. I guadagni abituali durante i 5 anni prima della guerra erano di 105 milioni di dollari l'anno. Poi venne la guerra e i profitti salirono. Infatti la media annua per il periodo 1914-1918 fu di 204 milioni di dollari. Niente male. Finora abbiamo visto i guadagni per chi produceva acciaio e polvere da sparo. Ora spostiamo la nostra attenzione su qualcos'altro. Sul rame, per esempio. Anche lui rende bene, in tempo di guerra. La Anaconda Copper Mining Co., per esempio. I guadagni medi annuali anteguerra nel periodo 1910-1914 erano di 10 milioni di dollari. Nel periodo 1914-1918, invece, i profitti salirono a 34 milioni di dollari l'anno.O la Utah Copper. Media di 5 milioni di dollari l'anno per il periodo 1910-1914. Media annuale raggiunta nel periodo della guerra: 21 milioni di dollari. Raggruppiamo assieme queste cinque con altre tre piccole compagnie. La media annuale totale dei profitti per il periodo anteguerra 1910-1914 era di $137.480.000 . Dopo la guerra, la media crebbe verticosamente fino a raggiungere $408.300.000 .Un piccolo aumento approssimativamente del 200% ...La guerra fa guadagnare? A loro sicuramente sì. Ma non sono gli unici. Ve ne sono altri. Vediamo cosa succede con il cuoio.Per il periodo di tre anni prima dell'inizio della guerra, il totale dei profitti della Central Leather Company era di 3.5 milioni di dollari, ovvero approssimativamente di $1.167.000 all'anno. Nel 1916 la Central Leather ottenne profitti per un totale di 15 milioni di dollari, un piccolo aumento del 1.100 per cento... Questo è tutto. La General Chemical Company aveva totalizzato poco più di 800 mila dollari all'anno, nei tre anni prima della guerra. Durante la guerra i profitti arrivarono a 12 milioni di dollari, un salto equivalente al 1.400 per cento.La International Nickel Company - e non si può fare una guerra senza nichel - riportò un aumento dei profitti partendo da una media iniziale di 4 milioni di dollari l'anno e arrivando a una media di 73 milioni di dollari l'anno. Niente male, dite? Corrisponde a un aumento del 1.700 per cento. La media della American Sugar Refining Company era di 2 milioni di dollari l'anno, prima della guerra. Nel 1916 raggiunse il record di 6 milioni di dollari. Ecco cosa rivela il Documento del Senato nr. 259. Il Sessantacinquesimo Congresso, che riporta i guadagni delle aziende e delle rendite governative. E che calcola i profitti di 122 industrie della carne in scatola, 153 produttori di cotone, 299 fabbriche di indumenti, 49 acciaierie e 340 produttori di carbone durante la guerra. È rarissimo trovare dei profitti che siano al di sotto del 25 per cento. Per esempio le imprese del carbone totalizzavano da un 100 per cento fino a un 7.856 per cento del loro capitale azionario nel periodo della guerra. Le industrie della carne di Chicago hanno raddoppiato e triplicato i loro guadagni.E non dimentichiamoci dei banchieri che hanno finanziato la grande guerra. Se c'è qualcuno che ha tratto il massimo dei profitti, questi sono i banchieri. Essendo delle partnership più che delle imprese private, non sono tenute a fare il rendiconto agli azionisti. E i loro profitti sono rimasti tanto nascosti quanto più erano immensi. Come i banchieri si siano fatti milioni e miliardi di dollari non lo so, perché questi piccoli segreti non sono mai stati resi pubblici - nemmeno di fronte all'organismo investigativo del Senato. Ma ecco qui come alcuni industriali e speculatori patrioti si sono preparati la strada per ricavare profitti dalla guerra.Per esempio i produttori di scarpe. A loro la guerra piace. Gli porta un sacco di lavoro e dei profitti eccezionali. Traggono i loro guadagni vendendo le scarpe all'estero ai nostri alleati. Forse, come fanno i produttori di munizioni e quelli di armi, pure loro vendono al nemico. Perché un dollaro è un dollaro, che arrivi dalla Germania o dalla Francia. Ma se la cavano bene pure con Zio Sam. Per esempio, hanno venduto a Zio Sam 35 milioni di stivali pesanti. I soldati erano 4 milioni. Significa più di otto paia per soldato. Il mio reggimento, durante la guerra, disponeva di un solo paio di scarpe. Alcune di queste probabilmente ci sono ancora. Erano buone scarpe. Ma quando la guerra terminò, Zio Sam si è ritrovato con un'eccedenza di 25 milioni di scarpe. Comprate e pagate. E i profitti, registrati e intascati. C'era ancora molto cuoio lasciato invenduto. Così i produttori decisero di vendere a Zio Sam centinaia di migliaia di selle prodotte dalla McClellan per la cavalleria. Ma non esiste alcuna cavalleria americana fuori dagli Stati Uniti! Qualcuno doveva disfarsi di tutto questo cuoio, tuttavia. Qualcuno doveva guadagnarci sopra - e così ci siamo ritrovati con un sacco di selle della McClellan. E probabilmente ne abbiamo ancora ora.Inoltre c'era qualcuno che disponeva di un grande assortimento di zanzariere. Zio Sam ne ha comprate 20 milioni ad uso dei soldati oltremare. Suppongo che i nostri ragazzi se le mettessero addosso quando dormivano nelle trincee piene di fango - una mano che si gratta i pidocchi in testa e l'altra che cerca di afferrare i topi sgambettanti. Ebbene, nessuna di queste zanzariere è mai arrivata in Francia!Comunque, questi prudenti produttori volevano essere sicuri che nessun soldato ne fosse sprovvisto, perciò pensarono bene di venderne altri 40.000.000 al nostro Zio Sam.Pure i produttori di aerei e di motori ritennero di avere diritto anche loro a trarre dei profitti da questa guerra. Perché no? Ognuno aveva i suoi. E così Zio Sam spese un altro milardo di dollari - contateli se riuscite a vivere abbastanza a lungo per farlo - per la costruzione di motori d'aviazione che... non lasciarono mai la terra! Non un solo aereo, non un solo motore di questo ordine da un miliardo di dollari venne usato per le battaglie che ebbero luogo in Francia. Ma i loro produttori ottennero i loro profitti, del 30, 100 e forse anche del 300 per cento.Le canottiere per i soldati costavano alla produzione 14 centesimi: per acquistarle Zio Sam spese dai 30 ai 40 centesimi ciascuna - un profitto non male per i produttori di canottiere. E anche i produttori di calze, di uniformi, di cappelli e di elmetti in acciao ebbero il loro profitto.Quando terminò la guerra, i magazzini qui erano stipati con più di 4 milioni di set di attrezzature - bisacce e tutto ciò che le riempie. Ora sono da buttare perché le regolamentazioni sono cambiate. Ma i produttori intanto si sono fatti i loro guadagni - e rifaranno tutto di nuovo la prossima volta. C'erano molte idee brillanti per fare soldi durante la guerra. Un patriota molto versatile vendette a Zio Sam dodici dozzine di chiavi a settore da 48 pollici. Oh, erano delle chiavi molto carine. L'unico problema era che esisteva un solo tipo di dado mai costruito che fosse largo abbastanza per questo tipo di chiavi. Ovvero quello che serve per tenere serrate le turbine alle cascate del Niagara. Ebbene, dopo essere state acquistate da Zio Sam e il produttore essersi intascato i profitti, queste chiavi furono messe dentro vagoni merci e fatte girare per tutti gli Stati Uniti nella speranza di trovare qualche posto ove potessero essere utilizzate. Quando venne firmato l'armistizio fu davvero un brutto colpo per il produttore di chiavi. Stava giusto per fabbricare un po' di dadi che andassero bene per queste chiavi. Poi escogitò di vendere anche questi, a Zio Sam. Un altro ha avuto la brillante idea di pensare che i colonnelli non dovessero guidare le automobili, né andare a cavallo. Probabilmente ha visto una foto di Andy Jackson andare su un buckboard (NdT: tipico carro americano a sponde basse). Ebbene, ne sono stati prodotti e venduti 6.000 allo Zio Sam ad uso dei colonnelli! Non ne fu usato mai nemmeno uno. Ma il fabbricante intanto si fece su i soldi.Pure i costruttori di navi pensarono di avere diritto ad una fetta del bottino. Costruirono molte navi e ne ricavarono molto denaro. Per l'esattezza più di 3 miliardi di dollari. Alcune delle navi andavano pure bene. Ma ne fu prodotta una quantità pari ad un valore di 635 milioni di dollari il cui materiale principale era il legno, e non potevano nemmeno navigare. Le giunture si aprivano - e così le navi affondavano. Ma noi le avevamo pagate. E qualcuno si era intascato i profitti.È stato stimato da statisti ed economisti e ricercatori che la guerra costò a vostro Zio Sam 52 miliardi di dollari. Di questa somma, 39 miliardi vennero di fatto spesi per la guerra. Questa spesa produsse 16 milioni di profitti. Ecco come 21.000 miliardari e milionari sono diventati tali. Questi profitti non sono esattamente briciole. È una cifra spaventosa. Ed è finita nelle mani di pochi.Le indagini condotte dal Nye Committe sull'industria delle munizioni e i suoi profitti in tempo di guerra, nonostante le loro rivelazioni sensazionali, non hanno scoperto altro che la punta dell'iceberg.Ma ha sortito comunque degli effetti. Il Dipartimento di Stato ha studiato "per un certo tempo" alcuni sistemi per tenersi fuori dalla guerra. Il Ministero della Guerra subito decide di avere tra le mani un grande piano che deve essere portato alla luce. L'Amministrazione nomina un comitato - con i Ministeri della Marina e della Guerra abilmente rappresentati sotto la presidenza di uno speculatore di Wall Street - perché fossero limitati i profitti in tempo di guerra. A quale scopo non si è mai saputo. Hmmm. Magari in quel modo, i profitti del 300, e del 600, e del 1600 per cento di quelli che trasformavano il sangue in oro durante la Guerra Mondiale sarebbero stati limititi a poche persone. Apparentemente, comunque, il piano non faceva alcun riferimento al contenimento delle perdite - ovvero alla perdita della vita di quelli che la guerra la combattono. Per quanto mi è stato possibile capire, non c'è niente che faccia parte di questo piano atto a limitare la perdita per un soldato ad un solo occhio, o ad un solo braccio, o ad una sola ferita anziché tre. O a limitare la perdita della vita. Non c'è nulla in questo piano, a quanto sembra, che dica che non più del 12 per cento di un reggimento dovrà rimanere ferito, o che non più del 7 per cento di una divisione dovrà essere uccisa. Ma chiaramente, il comitato non può certo prendersi la briga di occuparsi di queste faccende di poco peso.

[Lo Zio Sam vuole te!]

CAPITOLO TRE - CHI PAGA IL CONTO?

Chi fornisce i profitti - quei profitti così carini del 20, 100, 300, 1.500 e del 1.800 per cento? Noi tutti li paghiamo - in tasse. Abbiamo pagato i profitti ai banchieri quando abbiamo comprato i Liberty Bond a 100 dollari e glieli abbiamo rivenduti poi a 84 o a 86 dollari. E così ci hanno guadagnato. Semplice manipolazione. I banchieri controllano i mercati. Per loro è stato facile abbassare i prezzi di questi titoli. E poi noi tutti - il popolo - ci siamo impauriti e li abbiamo rivenduti a 84 o 86 dollari. E loro li hanno ricomprati. Poi sempre loro hanno provocato un boom e i titoli di stato hanno riacquistato il loro valore nominale - e lo hanno anche superato. E i banchieri raccolgono i loro profitti. Ma è il soldato quello a pagare il conto più alto. Se non ci credete, fate una visita ai cimiteri statunitensi o ai campi di battaglia all'estero. O visitate uno qualunque dei tanti ospedali per veterani negli Stati Uniti. Durante un viaggio in giro per tutto il paese, durante un viaggio che sto facendo mentre scrivo, ho visitato diciotto ospedali di stato per veterani. Dentro ci sono circa 50.000 uomini distrutti - uomini che diciotto anni fa erano considerati la crema del loro paese. Un chirurgo molto bravo, che lavora in uno di questi ospedali, quello del Milwaukee, che conta circa 3.800 cadaveri ambulanti, mi disse che la mortalità tra i veterani è tre volte più alta rispetto a quelli che non sono mai partiti per la guerra. I nostri ragazzi venivano presi dai loro campi coltivati, dagli uffici, dalle fabbriche e dalle scuole e messi nelle schiere. Venivano rimodellati; rimessi a nuovo; capovolte le loro prospettive; considerare l'omicidio come l'ordine del giorno. Messi uno fianco all'altro e, attraverso la psicologia di massa, completamente cambiati. Li abbiamo usati per un paio di anni e addestrati per non farsi problemi ad uccidere o essere uccisi. Poi, improvvisamente, ce ne siamo liberati dicendogli di capovolgere nuovamente il loro modo di essere! Ma questa volta il capovolgimento dovevano farlo per conto proprio, senza psicologia di massa, senza l'aiuto e il consiglio di funzionari preposti e senza propaganda nazionale. Non ci servivano più. Così li abbiamo dispersi senza nessuna "terapia dei tre minuti", senza discorsi sui "Liberty Loan" (buoni governativi). Molti, troppi di questi bravi ragazzi sono rimasti prima o poi distrutti, mentalmente, perché non erano in grado di fare questo "capovolgimento" per conto loro. Nell'ospedale statale di Marion, nell'Indiana, 1.800 di questi ragazzi sono dei vegetali! Cinquecento di loro sono dentro delle caserme con sbarre d'acciaio e dei fili tutt'attorno, fuori dall'edificio e sui porticati. Questi hanno già la mente distrutta. Non sembrano nemmeno più degli esseri umani. Per non parlare dei loro volti. Fisicamente, sono in buona forma; ma le loro teste sono andate. Ci sono migliaia e migliaia di questi casi, e ne arrivano sempre di più. La tremenda eccitazione data dalla guerra, e poi un taglio così netto - questi giovani ragazzi non potevano farcela. Questo fa parte del conto da pagare. Quanto ai morti - loro hanno già pagato la loro parte dei profitti di guerra. Quanto a quelli mentalmente e fisicamente feriti, loro pagano ora la loro parte dei profitti di guerra. Ma anche gli altri hanno pagato - hanno pagato con il cuore spezzato quando sono stati strappati dal loro focolare domestico e dalle loro famiglie per indossare l'uniforme di Zio Sam - su cui si è guadagnato. Un'altra parte l'hanno pagata nei campi di addestramento dove sono stati irreggimentati ed addestrati mentre gli altri continuavano a fare il loro lavoro nei loro posti delle loro comunità. Hanno pagato stando nelle trincee e sparando e facendosi sparare; dove avevano fame per giorni interi; dove dormivano nel fango con il freddo e la pioggia - con i lamenti e i gemiti dei loro compagni agonizzanti come orribile ninna nanna. E non dimentichiamolo - il soldato pagava anche parte del conto in dollari e centesimi. Fino a e compresa la guerra ispano-statunitense, avevamo un sistema a premi, e i soldati e i marinai lottavano per il denaro. Durante la Guerra Civile venivano pagati con dei bonus, spesso prima ancora che entrassero in servizio. Il governo, o gli stati, arrivavano a pagare fino a 1.200 dollari per un arruolamento. Nella guerra ispano-statunitense davano dei premi in denaro. Quando catturavamo qualunque imbarcazione, ognuno prendeva la sua parte - o almeno così si pensava. Poi si scoprì che si poteva ridurre il costo delle guerre prendendo tutto il premio in denaro e tenendoselo, ma coscrivendo [chiamando alle armi, ndt] comunque il soldato. Così i soldati non potevano più patteggiare per il loro lavoro. Tutti potevano patteggiare, ma loro no. Napoleone diceva,"Tutti gli uomini amano le decorazioni... le cercano con un grande desiderio". Quindi, sviluppando questo sistema napoleonico - il business delle medaglie - il governo imparò che poteva avere soldati con poco denaro, perché ai ragazzi piaceva essere decorati. Prima della Guerra Civile, non esistevano medaglie. Poi venne inventata la Medaglia d'Onore del Congresso. Era più facile arruolare. Dopo la Guerra Civile, non venne emessa più alcuna medaglia fino all'arrivo della guerra ispano-statunitense.Nella Guerra Mondiale, abbiamo fatto uso della propaganda per convincere i ragazzi ad accettare il servizio militare. Gli si faceva provare vergogna, se non entravano nell'esercito. Talmente aggressiva era questa propaganda di guerra, che pure Dio ne venne coinvolto. Tranne qualche eccezione, i nostri uomini di chiesa si unirono al folle clamore "uccidi, uccidi, uccidi". Uccidere i tedeschi. Dio è dalla nostra parte... è nella Sua volontà che i tedeschi muoiano. E in Germania, i buoni e cari pastori invitavano i tedeschi ad uccidere gli alleati... per appagare lo stesso Dio. Questo faceva parte della propaganda generale, costruita per rendere le persone consapevoli della guerra e di cosa è l'omicidio.Tante belle idee vennero concepite per i nostri ragazzi che venivano mandati a morire. Questa era la "guerra per chiudere tutte le guerre". Questa era la "guerra che avrebbe reso il mondo un posto sicuro e democratico". Nessuno disse loro, però, mentre partivano, che il loro andare in guerra e morire avrebbe portato grandi guadagni ad altri. Nessuno disse a questi soldati degli Stati Uniti che potevano essere uccisi da una pallottola sparata da un loro stesso compratriota nello stesso campo di battaglia. Nessuno disse loro che le navi sulle quali si erano imbarcati potevano essere affondate dal siluro di un sottomarino costruito con brevetti statunitensi. L'unica cosa che veniva detta era che sarebbe stata una "gloriosa avventura". E così, dopo essere stati rimpinzati fino in fondo di patriottismo, si pensò che fosse giusto premiarli con un piccolo aiutino in danaro. L'aiuto corrispondeva a ben 30 dollari al mese. Tutto quello che dovevano fare per questa munifica somma era semplicemente lasciarsi i loro cari alle spalle, lasciare il loro lavoro, starsene in delle belle trincee paludose, mangiare, quando disponibile, "canned willy" (carne bovina argentina già in stato deteriorato quando viene inscatolata, ndt) e uccidere, uccidere e uccidere... ed essere uccisi. Ma... un momento!Metà del loro salario (giusto poco più di quello che guadagna in un giorno un chiodatore in un cantiere navale o un meccanico che lavora tranquillo nella sua patria in una fabbrica di munizioni) veniva lestamente preso per sostenere i dipendenti dello stato, così che non avrebbero costituito un peso per la comunità. Dopo di che li si faceva pagare quello che corrispondeva all'assicurazione contro gli infortuni - qualcosa che di solito paga un impiegato in un paese liberale - e che ammontava a circa 6 dollari al mese. In pratica alla fine gli rimanevano 9 dollari.E poi, il massimo dell'insolenza, venivano infine letteralmente turlupinati pagando le loro stesse munizioni, i vestiti e il cibo, tutto prodotto facendoli comprare i Liberty Bond. Molti soldati non riscuotevano nessun salario, nel giorno di paga.I Liberty Bond glieli abbiamo venduti a 100 dollari, per poi ricomprarglieli - quando ritornavano dalla guerra e non riuscivano a trovare lavoro - a 84 e a 86 dollari. In pratica i soldati avevano acquistato questi titoli per una cifra totale di 2 miliardi di dollari!È così, è il soldato a pagare la parte più salata del conto. Paga pure la sua famiglia. Entrambi pagano con un cuore a pezzi. Soffre lui, soffrono loro. Di notte, mentre lui si trovava nelle trincee, vigile su tutte le pallottole esplosive che potevano scoppiargli in faccia da un momento all'altro, la sua famiglia si girava e rigirava nel letto senza riuscire a dormire - suo padre, sua madre, sua moglie, le sue sorelle e i suoi fratelli, i suoi figli e le sue figlie. Quando poi rientrava in patria senza un occhio o senza una gamba, o con la mente totalmente distrutta, anche loro soffrivano - quanto lui e alle volte anche più di lui. E anche loro contribuivano con i loro dollari a portare profitti ai costruttori d'armi e ai banchieri e agli industriali e agli speculatori. Loro, pure, compravano i Liberty Bond e contribuivano al profitto dei banchieri, dopo l'armistizio, nel magico mondo dei Liberty Bond manipolati.E anche adesso le famiglie dei reduci di guerra, di quelli feriti, distrutti nel profondo, che non sono più stati in grado di rimettersi in quadro nella società, stanno soffrendo.


[Prima Guerra Mondiale - Immagini]

CAPITOLO QUATTRO - COME SCONFIGGERE IL RACKET!

Bene, è un racket, d'accordo. Profitti per pochi - e i tanti pagano. Ma c'è un modo per fermarlo. Non certo con delle conferenze sul disarmo. Non si può eliminare facendo dei bei discorsi a Ginevra. Tanti gruppi ben intenzionati ma di scarso spirito pratico non possono disfarsene con delle semplici risoluzioni. L'unico modo per eliminarlo è di portare i profitti fuori dalla guerra. Per disfarsi del racket, bisogna ingaggiare il capitale e l'industria e la forza lavoro prima che vengano ingaggiati i nostri ragazzi. Un mese prima che il governo riesca ad arruolare i giovani della nostra nazione - deve ingaggiare tutto il capitale, tutta l'industria e tutta la forza lavoro. Che siano i funzionari, e i direttori e i dirigenti d'alto livello delle nostre fabbriche d'armamenti e di munizioni, che siano i nostri costruttori di navi e di aerei e i fabbricanti di tutti quei prodotti che fanno guadagnare soldi a palate durante la guerra, che siano i banchieri e gli speculatori ad essere arruolati e a prendersi 30 dollari al mese, lo stesso salario che i nostri figlioli percepiscono quando stanno in trincea. Lo prendano loro, tutti i lavoratori di questi stabilimenti - tutti i lavoratori, tutti i presidenti, tutti i dirigenti, tutti i direttori, tutti i manager, tutti i banchieri, questo salario. Sì, e tutti i generali e tutti gli ammiragli e tutti gli ufficiali e i politici e tutte le pubbliche autorità di stato - tutto il paese si limiterà a ricevere un salario mensile che non sarà più alto di quelli dei soldati nelle trincee!Facciamo sì che tutti questi re e magnati e maghi degli affari e tutti quei lavoratori nell'industria e tutti i nostri senatori e governatori e sindaci paghino metà del loro salario di 30 dollari alle loro famiglie, e paghino l'assicurazione contro gli infortuni e comprino i Liberty Bond. Perché non dovrebbero? In fin dei conti non corrono alcun rischio di essere uccisi o avere i loro corpi dilaniati o la loro mente frantumata. Non dormono in trincee fangose. Non patiscono la fame. I soldati la patiscono! Date al capitale e all'industria e alla forza lavoro trenta giorni per pensarci, e scoprirete, alla scadenza, che non ci sarà nessuna guerra. Questo è un sistema per sconfiggere il racket - questo e nessun altro. Forse sono un po' troppo ottimista. Il capitale ha ancora la sua da dire. Quindi non permetterà che i profitti vengano portati fuori da una guerra finché tutti - tutti quelli destinati a soffrire e a pagarne il prezzo - non cominceranno a rendersi conto che quelli da loro eletti si dovranno occupare di fare i loro interessi, e non quelli degli affaristi.Un altro passo necessario in questa lotta per l'eliminazione del racket è l'uso di un plebiscito in forma limitata, attraverso il quale sia stabilito se si debba dichiarare una guerra oppure no. Un plebiscito non per tutti, ma messo esclusivamente a disposizione di coloro che sarebbero chiamati a combattere e a morire. Non avrebbe infatti molto senso che vi partecipasse un presidente di 76 anni di una fabbrica di munizioni, o un capo coi piedi piatti di una banca internazionale, o un manager strabico di uno stabilimento di produzione - che non riescono ad avere altro che visioni di straordinari profitti durante le guerre. Loro non verrebbero mai chiamati a portare un'arma - o a dormire in trincea e farsi sparare. Solo chi viene chiamato alle armi a rischiare la sua vita, per il suo paese, dovrebbe avere il privilegio di votare e decidere se una nazione deve andare in guerra.Vi sono ampi precedenti sulle limitazioni al diritto di voto dei cittadini. In molti dei nostri stati esistono delle restrizioni agli aventi diritto. Per esempio, è necessario che siano in grado di leggere e scrivere. In altri, bisogna possedere una proprietà. Non sarebbe quindi difficile far sì che ogni anno gli uomini che raggiungono l'età per essere idonei al servizio militare si registrino presso il loro comune, come avveniva nel periodo della Guerra Civile, e facciano la visita medica. Quelli che passano l'esame, e che quindi possono essere soggetti a chiamata alle armi in caso di guerra, avrebbero accesso al voto in un plebiscito limitato. Loro dovrebbero essere quelli a disporre del potere decisionale - e non un Congresso in cui pochi membri rientrano a fatica nei limiti d'età per l'arruolamento e meno ancora hanno l'idoneità fisica per usare le armi. Solo quelli che sono destinati a sofferenza certa dovrebbero avere il diritto di voto. Un terzo passo per sconfiggere questo racket è di accertarsi che le nostre forze militari siano realmente delle forze di sola difesa. Ad ogni sessione di Congresso salta sempre fuori la questione del Naval Appropriation Act ( protocollo creato per il controllo del budget della marina militare, ndt). Gli ammiragli scalda-sedie di Washington (e ce ne sono tanti) sono dei lobbisti piuttosto svegli. E furbi. Non gridano ai quattro venti "abbiamo bisogno di molte di navi da battaglia per fare guerra a questo paese o a quest'altro paese". Ah no... non fanno così. Prima annunciano che gli Stati Uniti sono minacciati da una flotta navale nemica molto potente. Questi ammiragli saranno sempre pronti a dirvi che le potenti flotte di questi supposti nemici colpiranno molto presto e annienteranno 125.000.000 di persone. Proprio così. Poi inizieranno ad implorare per avere più navi. E per cosa? Per combattere i nemici? Ma no, assolutamente no. A puro scopo difensivo, naturalmente! Poi, per puro caso, annunciano delle manovre nel Pacifico. Per difesa. Ah sì, per difesa...Il Pacifico è un grande oceano. Abbiamo una linea costiera molto estesa, nel Pacifico. Queste manovre saranno forse poco distanti dalla nostra costa o... lontane due o trecento miglia? Peggio, le manovre saranno migliaia, sì è così, anche trentacinque miglia al largo della costa. I giapponesi, un popolo fiero, saranno certamente felici oltre ogni misura di vedere la flotta statunitense così vicina alla loro costa nipponica. Tanto felici quanto lo sarebbero i cittadini californiani se si ritrovassero ad intravedere vagamente, nella foschia mattutina, una flotta giapponese che gioca alla guerra contro la città di Los Angeles. Le navi della nostra marina, chiunque può verificarlo, dovrebbero essere limitate, per legge, a non allontanarsi più di 200 miglia dalla costa. Se si fosse applicata la legge, nel 1898 la corazzata Maine non sarebbe mai arrivata al porto dell'Avana. Non sarebbe mai stata affondata. Non ci sarebbe stata alcuna guerra con la Spagna e tutte le morti che comportò. Duecento miglia sono sufficienti, secondo l'opinione degli esperti, a scopo di difesa. La nostra nazione non può avviare alcuna offensiva di guerra, se le navi non possono allontanarsi più di 200 miglia dalla costa. Gli aerei potrebbero eventualmente avere il permesso di allontanarsi fino a 500 miglia dalla costa a scopo di riconoscimento. E l'esercito non dovrebbe mai superare il limite territoriale della nostra nazione. In sintesi: è necessario compiere tre passi per sconfiggere il racket. Dobbiamo portare i profitti fuori dalla guerra. Dobbiamo permettere alla gioventù della nostra nazione che porta le armi di decidere se vi debba essere o no una guerra. Dobbiamo limitare le nostre forze militari a puro scopo difensivo.



[Seconda Guerra Mondiale - Immagini]

CAPITOLO CINQUE - AL DIAVOLO LA GUERRA!

Non sono così idiota da pensare che la guerra sia una cosa del passato. So che il popolo la guerra non la vuole, ma non ha senso pensare che non potremo essere trasportati in un'altra guerra. Guardando indietro, Woodrow Wilson venne rieletto presidente nel 1916 basando la campagna sul fatto che "ci aveva tenuti fuori dalla guerra", e sulla promessa implicita che avrebbe continuato a tenercene fuori. Poi chiese al Congresso, solo 5 mesi dopo la sua elezione, di dichiarare guerra alla Germania. In questo arco di cinque mesi non venne chiesto al popolo se per caso avesse cambiato idea sulla guerra. Ai 4 milioni di giovani uomini che indossarono le uniformi e marciarono o salparono oltreoceano non si chiese se intendevano andare avanti, incontrando sofferenza e morte. Allora che cosa fece cambiare così improvvisamente idea al nostro governo? Il denaro. Una commissione di alleati, qualcuno ricorderà, si incontrò con noi poco prima della dichiarazione di guerra e fece visita al presidente. Il presidente convocò un gruppo di consiglieri. Il capo della commissione parlò. Spoglio da ogni formalità diplomatica, questo è quanto il presidente e il suo gruppo si sentirono dire: "È inutile che continuiamo a farci delle illusioni. La causa degli alleati è persa. Ora vi dobbiamo [a voi banchieri, fabbricanti d'armi, produttori, speculatori, esportatori degli Stati Uniti] 5 o 6 miliardi di dollari. Se perdiamo (e senza l'aiuto degli Stati Uniti perderemo) noi, l'Inghilterra, la Francia e l'Italia, non potremo ripagarvi questo denaro... e il debito non ce lo estinguerà certo la Germania.Quindi..." Se il mantenimento del segreto fosse stato illegale, durante queste negoziazioni, e se la stampa fosse stata invitata ad essere presente durante la conferenza, o se la radio avesse trasmesso questi discorsi, gli Stati Uniti non sarebbero mai entrati nella Guerra Mondiale. Ma questa conferenza, come tutte le discussioni di guerra, si tenne nella più massima segretezza. Quando i nostri ragazzi vennero mandati al fronte, venne detto che "era per creare un mondo più sicuro e più democratico" e che era la "guerra per chiudere tutte le guerre". A distanza di diciotto anni, il mondo è meno democratico di quanto lo fosse prima. Ma poi, cosa dovrebbe interessare a noi se la Russia o la Germania o la Francia o l'Italia o l'Austria vivono sotto un regime democratico o monarchico? Se sono paesi fascisti o comunisti? Il nostro compito è quella di preservare la democrazia nel nostro paese. E poco è stato fatto, se non nulla, per garantirci che la Guerra Mondiale sarebbe stata davvero la guerra per chiudere tutte le guerre. Sì, abbiamo avuto le conferenze sul disarmo e sull'uso limitato delle armi. Non significano nulla. Una è stata fallimentare: un'altra ha dato risultati che sono stati vanificati. Spediamo i nostri soldati e i nostri marinai professionisti e i nostri politici e i nostri diplomatici a queste conferenze. E cosa succede? Questi soldati e marinai professionisti non vogliono il disarmo. Nessun ammiraglio vuole essere senza la sua nave. Nessun generale vuole essere senza comando. Entrambi significano uomini senza lavoro. Loro non sono per il disarmo. Non possono essere a favore dell'uso limitato delle armi. E a tutte queste conferenze, distanti dalla scena principale ma provvisti di grande potere, troviamo i sinistri agenti di coloro che traggono profitti dalla guerra. Che sanno bene che queste conferenze non contribuiranno al disarmo e non limiteranno seriamente gli armamenti. Lo scopo principale delle persone di potere, a qualunque di queste conferenze, non è stato quello di ottenere il disarmo, o di prevenire una guerra, ma piuttosto di avere più armi per loro e meno per ogni loro avversario. Esiste una sola strada realmente praticabile per ottenere il disarmo. Consiste in una coalizione di tutte le nazioni in cui ognuna di esse demolisca tutte le navi, tutte le armi da fuoco, tutti i fucili, tutti i carri armati, e tutti i piani di guerra. E anche così, se mai succedesse, non sarebbe sufficiente. La prossima guerra, secondo gli esperti, sarà combattuta non con delle corazzate, non dall'artiglieria, non con dei fucili e non con delle mitragliatrici. Sarà combattuta con gas e sostanze chimiche mortali. Di nascosto, ogni nazione sta studiando e perfezionando metodi sempre più letali per annientare tutti i suoi avversari. Sì, si continuerà a costruire le navi, perché i costruttori non vogliono smettere di guadagnare. E si continueranno a produrre anche le armi da fuoco, e gli esplosivi, e i fucili, perché anche i fabbricanti di munizioni non vogliono smettere di guadagnare. E i soldati, naturalmente, devono indossare le uniformi, visto che nemmeno i fabbricanti di uniformi vogliono privarsi dei loro profitti di guerra. Ma la vittoria e la sconfitta sarà ormai determinata dalla preparazione e dall'ingenuità dei nostri scienziati. Se li mettiamo al lavoro facendoli inventare nuovi gas velenosi e nuovi diabolici strumenti meccanici e distruttivi esplosivi, non avranno più tempo per un lavoro costruttivo, per garantire maggiore prosperità a tutta la popolazione. Con un lavoro costruttivo, tutti noi potremmo ottenere dei guadagni in nome della pace e fuori dalla guerra - pure i fabbricanti d'armi.


Quindi... vi dico, AL DIAVOLO LA GUERRA.




3 commenti:

Tommaso ha detto...

Le considerazioni sulla guerra come racket sono davvero interessanti, capaci di dare dignità storica, politica e intellettuale e quelle ovvie considerazioni di chi è stato dentro una guerra. Testimoni diretti la cui opinione viene spesso ridotta al caso personale, condizionata quindi dal dolore e dalla rabbia e perciò esclusa dai discorsi seri.
Qui parla un militare, un esperto. Vorrei saperne qualcosa di più: chi era e soprattutto i capitoli proposti sono la traduzione di un articolo, di un libro? oppure sono un sunto?
Grazie.

Aleks ha detto...

E' la traduzione di un condensato per Reader's Digest tratto da "War is a Racket", libro pubblicato nel 1935 dalla Round Table Press di New York.

http://www.amazon.com/gp/product/0922915865/sr=1-1/qid=1155204946/ref=pd_bbs_1/002-3367803-1660009?ie=UTF8&s=books

Di Butler consiglio la biografia "Maverick Marin: General Smedley D. Butler and the Contradictions of American Military History" di Hans Schmidt.

http://www.amazon.com/gp/product/0813109574/002-3367803-1660009?v=glance&n=283155

Saluti,
Aleks

stuarthwyman ha detto...

eHitler che perse la guerra quando cominciò a stampar marchi???

Posta un commento