19 gennaio 2007

Svanite nel nulla

(fonte: LaStampa)

"Sono sparite, forse distrutte, le due bottiglie molotov che costituiscono una prova determinante nel processo contro gli alti dirigenti di polizia coinvolti nella sanguinosa notte dei manganelli alla scuola Diaz, durante il G8, nel luglio 2001. Sono le armi con le quali si sarebbe tentato di giustificare l’irruzione nei locali trasformati in dormitorio per i manifestanti e l’arresto di 93 persone (93 racconti di pestaggi a freddo), riconosciute poi da un funzionario di polizia come le molotov sequestrate ore prima durante i disordini in altra parte della città."


[Pag.128 del libro "*Sragione di stato" di Camillo Arcuri]

2 commenti:

Carlo ha detto...

Svanite...senza prove potrebbe saltare il processo...che schifo!

Anonimo ha detto...

Ci siamo fatti fregare una quantità immane di cose, materiali e non. Che vuoi che siano due molotov... il saccheggio continua.

Posta un commento