11 luglio 2009

Piccoli "Re Mida alla rovescia" crescono.

Ecco un altro dei frutti marci spuntati dalla riunione degli 8 mentecatti a L'Aquila:

[
*1] Mercoledì 8 il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, consegnerà l’”Eurodollaro” ai capi di Stato e di governo durante la prima giornata del G8 a L’Aquila. Si tratta dell’esemplare-test di una moneta in oro coniata in una rara emissione dalla Zecca Reale del Belgio, realizzata dall’autore dell’Euro, Luc Luycx, e da Laura Cretara, che firmò le 500 e le 1000 bimetalliche della Repubblica italiana e il lato nazionale dell’attuale moneta da un ruro. Il titolo “United Future World Currency - Eurodollar” è provvisorio. Il nome finale e il simbolo della nuova moneta verranno definiti per concorso, coinvolgendo i giovani di mille scuole di tutto il mondo, sotto l’organizzazione della italiana Museo del Tempo.

É bene aver chiaro in testa che l'obiettivo massimo della maggior parte dei leader politici mondiali (escludo Ron Paul e forse Gasparri) è la vecchia visione keynesiana di un sistema basato su un'unica moneta cartacea, ovviamente a corso forzoso, un'unità monetaria emessa da una Banca Mondiale. Una moneta cartacea immune dalle crisi delle bilance dei pagamenti che causerebbe un'inflazione mondiale illimitata, che per i lavoratori si traduce in una costante perdita di potere d'acquisto e delle libertà economiche.

3 commenti:

Alain ha detto...

Ciao nick!
Mi spieghi come mai ci sarebbe inflazione illimitata? Non mi è ben chiaro.
Ciao e grazie!

Nicolo' ha detto...

Ciao Alain, non avevo visto il tuo commento. La bilancia dei pagamenti è la registrazione delle transazioni del sistema economico nazionale di un dato paese con il resto del mondo. Un'unica valuta mondiale non avrebbe nessun altra concorrente verso cui svalutarsi e perdere potere, aumentando così il debito verso i paesi esteri.

Anonimo ha detto...

good start

Posta un commento